home

indice ceramisti

indice fabbriche

GOLIA
(Eugenio Colmo)

quotazioni

Eugenio Colmo, in arte Golia, nasce a Torino il 29 ottobre del 1885.
Inizia la sua attività artistica come illustratore per le riviste "Due di Coppe" e "Pasquino" della quale è direttore dal 1904 al 1906.
Successivamente si dedica alla pittura, alla cartellonistica e, dal 1922, alla ceramica decorando in proprio e soprasmalto alcune terraglie che presenta con successo a Parigi alla I Esposizione Internazionale di Arti Decorative e Industriali del 1925 ricevendo una medaglia d'oro e riscuotendo l'elogio anche di
Giò Ponti.
Nel 1925 alcune ceramiche da lui dipinte soprasmalto sono premiate alla prima Esposizione di Arti Decorative di Parigi.
Tra il 1922 e il 1927, con l'aggiunta di alcuni pezzi eseguiti nel 1935-36 su ordinazione, decora, firma e data circa 1600 piatti, il cui biscotto è prodotto da varie ditte, dai motivi tipicamente decò: figurette femminili argutamente stilizzate, composizioni di fiori e foglie animate da animali esotici, satiri e ninfette, con colori a terzo fuoco e praticamente pezzi unici.
Negli anni Trenta collabora anche con la manifattura "
Lenci" di Torino eseguendo il disegno di una grande ceramica raffigurante la dea Calì, modellata e realizzata da Abele Jacopi.
Nel secondo dopoguerra, dopo aver soggiornato più volte a Parigi, si occupa prevalentemente di didattica
.
Dopo una vita dedicata all'arte e al giornalismo Eugenio Colmo muore a Torino nel 1967.

     

www.treccani.it/enciclopedia/eugenio-colmo_(Dizionario-Biografico)/