home

indice ceramisti

indice fabbriche

Flora HAAG MELAMERSON  

Moglie di Max Melamerson giunge con lui a Vietri, a causa delle prime intolleranze razziali nei confronti degli ebrei subite a Berlino, nel 1926 e l'anno dopo collabora con il marito alla fondazione e alla direzione della manifattura ceramica "I.C.S."
Con le leggi razziali del 1938 la manifattura viene chiusa e per i coniugi Melamerson iniziano le persecuzioni che si concludono nel 1943 con la detenzione nel campo di internamento per gli ebrei stranieri di Ferramonti di Tarsia, in Calabria
Alla fine della Guerra si trasferisce con il marito a Roma dove collabora, insieme a lui, con la manifattura "Ar.Ce.Ro."
Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1948, torna a Vietri ed invitata dal direttore artistico Giovanino Carrano a lavorare alla fabbrica "I.C.A.M." dei fratelli Pinto.
Negli anni Sessanta si trasferisce negli Stati Uniti, ma torna spesso a Vietri

https://ilmanifesto.it/melamerson-una-coppia-in-fuga-a-vietri