home

indice ceramisti

indice fabbriche

Giulio RUFA  

Dopo gli studi di disegno e pittura effettuati al "M.A.I." di Napoli, allievo di Emilio Paggiaro, Giulio Rufa, nato a Roma nel 1903, rientra nella sua cittā natale dove frequenta la Regia Accademia di Belle Arti, allievo di Duilio Cambellotti, che gli insegna i primi rudimenti dell'arte ceramica.
Inizia a collaborara con Ferruccio Palazzi cuocendo i suo lavori nella di lui fornace e nel 1922 esordisce esponendo alcune ceramiche in una mostra alla "Casa d'Arte Palazzi" di piazza Venezia 88 a Roma.
In seguito Rufa collabora con la manifattura "S.I.P.L.A." e fornisce modelli anche per altre manifatture ceramiche di Roma.
Nel 1923 č presente alla I Esposizione Internazionale di Arti Decorative di Monza.
Dopo il matrimonio con Laura Fontana, prosegue la sua collaborazione con Ferruccio Palazzi nella nuova manifattura, "la Fiamma" di piazza San Salvatore in Lauro a Roma e si dedica anche alla decorazione di interni e di vetrate artistiche.
Insegnante di disegno coltiva la passione di progettatore nel campo dei motori e della meccanica.
Nella seconda metā degli anni Trenta realizza numerosi lavori di decorazione per atri e sale d'aspetto di stazioni ferroviarie tra cui quella di Salso Maggiore, nel 1937, e quella della stazione di Milano nel 1939 e nel 1938 collabora alla scenografia allestita alla stazione Ostiense di Roma in occasione della visita di Hitler a Mussolini.
Nell'immediato dopoguerra si trasferisce a Buenos Aires dove gli viene affidata la direzione tecnica di una fabbrica meccanica.
Giulio Rufa muore a Milano nel 1970.

 

www.museoascona.ch/esposizioni.php?c=passate&esp_id=20&art_id=37&p=artisti