home

indice ceramisti

indice fabbriche

Antonio SABATELLI a
Acquista il cd-rom
"Quotazioni d'Asta"

In questa scheda
n.: 13 lotti

Compra questa scheda
"Quotazioni d'Asta"

Grande viaggiatore, Antonio Sabatelli (detto Saba Telli) è forse una delle più interessanti figure di artista-ceramista del panorama albisolese degli anni Cinquanta-Sessanta.
Pittore, scultore e ceramista nasce ad Albisola nel 1922 e a 14 anni già frequenta le fornaci dei Mazzotti e di Bianco.
Dopo una prima formazione nella sua città natale nel 1938 si trasferisce a Torino dove diviene allievo di
Luigi Spazzapan.
Nel dopoguerra si sposta a Parigi dove frequenta artisti e letterati ed insegna ceramica nei corsi organizzati dall'Istituto Italiano di Cultura.
Tornato ad Albissola Marina collabora con le manifatture di
Bianco d'Albisola e l'"Isola Ceramiche" di Tonino Tortarolo e Federico Anselmo.
Nel 1961 partecipa al III° Festival Albisolese della Ceramica tenutosi a Villa Gavotti.
Nel 1963 è tra i venti artisti-ceramisti che collaborano alla realizzazione del Lungomare degli Artisti di Albissola Marina e nello stesso anno partecipa alla quinta edizione del Festival Albisolese.
Nel 1966, nel 150° anniversario dell'incoronazione della Vergine di Savona,
Tullio d'Albisola lo invita a partecipare alla mostra "Ceramiche omaggio a nostra Signora di Misericordia" e, nell'occasione, Saba Telli espone un grande piatto in terracotta decorata da smalti e ingobbi, dal titolo "Madonna di Misericordia e il Beato Botta".
Negli anni a seguire esegue alcune ceramiche preso i forni della manifattura albisolese "
San Giorgio"
Nel 1969 partecipa, in coppia con il ceramista
Ansgar Elde, alla mostra tenuta alla Galleria 77 di Albissola Marina.
Sempre nel 1969 fonda, con la collaborazione tecnica di Tonino Tortarolo e la direzione commerciale di
Angelo Germano, la "fornogalleria" (laboratorio, fornace e galleria d'arte) "La Ruota", in via dell'Oratorio ad Albissola Mare, dove, sotto la sua direzione vengono prodotti monotipi d'artista e complementi architettonici ed espone, nello spazio riservato alle mostre, opere di importanti ceramisti italiani e stranieri.
La bottega-galleria rimane attiva solo pochi anni e il Saba Telli, spirito inquieto ed iroso, intorno alla metà degli anni Settanta lascia la ceramica e si ritira dall'attività artistica.
Antonio Sabatelli muore nel 2001.

   

http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Sabatelli

www.arcadja.com/auctions/antonio_sabatelli/prezzi-opere/319169/

www.signoriarte.com/s/sabatelli-antonio/