home

indice ceramisti

indice fabbriche

I.C.A. (Albisola) QUOTAZIONI

La ditta "I.C.A." (Industria Ceramiche Albisolesi) viene fondata nel 1943, con sede in Albisola Capo via dei Gervasio 25, da Paolo Castello, Giuseppe Venturi, Luigi Pescio e Giacinto Canepa.
Diretta da Paolo Castello č una delle poche fabbriche di ceramica a continuare la produzione, costituita soprattutto stoviglie in terraglia tenera, anche durante il periodo bellico.
La ditta partecipa nel 1946 alla Mostra Concorso di Albissola Marina.
Negli anni del dopoguerra tra i collaboratori della manifattura č presente anche il ceramista albisolese
Eliseo Salino
Nel 1950 la manifattura, a causa di problemi finanziari, la ditta lascia i locali di via Colombo e trasferisce la produzione in via Casarino, Luigi Pescio esce dalla societā e Giuseppe Venturi fonda una propria manifattura denominata "
F.A.C."
Nel 1951 la ditta ospita
Agenore Fabbri che cuoce nei forni della fabbrica la scultura "Caccia al cinghiale" presentata alla IX Triennale di Milano e vincitrice del Diploma d'onore.
Nel 1955 la manifattura dichiara fallimento e chiude definitivamente

   

N.B.: Nel catalogo dell'E.N.A.P.I. del 1952 č menzionata una ditta dallo stesso nome e acronimo con sede ad Albisola Superiore, in via Casarino 105, attiva all'inizo degli anni Cinquanta.
Anche la vietrese "
Avallone" marca alcuni suoi lavori con l'acronimo I.C.A. (Industria Ceramica Avallone)