home

indice ceramisti

indice fabbriche

SALAMANDRA (La) a
Acquista il cd-rom
"Quotazioni d'Asta"

In questa scheda
n.: 17 lotti

Compra questa scheda
"Quotazioni d'Asta"

La fabbrica di ceramiche artistiche "La Salamandra", viene fondata a Roma, nel 1921, da Davide Fabbri, con la collaborazione di Renzo Cellini, con sede in via Pietro da Cortona 3.
Con la manifattura collaborano, nel periodo romano, alcuni importanti ceramisti del gruppo che fa riferimento a Duilio Cambellotti tra cui Achille Mauzan, Renzo Cellini e Alfredo Biagini.
Nel 1922 la fabbrica viene trasferita a Perugia, la proprietÓ della manifattura passa alla famiglia dell'industriale Buitoni e Davide Fabbri ne assume la direzione artistica e tecnica.
Soci della manifattura sono anche Biagio Biagiotti e Giuseppe Baduel.
Fino al 1925 numerosi pezzi della manifattura sono marcati "SA/DRA Perugia".
Nel 1927 "La Salamandra" entra a far parte del "C.I.M.A." (Consorzio Italiano Maioliche Artistiche) fondato da Biagio Biagiotti e diretto da Alpinolo Magnini.
Nel 1930 Davide Fabbri esce dalla manifattura.
Negli anni Trenta direttore artistico della manifattura viene nominato Gennaro Strino.
Dal 1933 il consorzio cambia struttura societaria, da cooperativa diviene societÓ di capitali, ed inizia a marcare i pezzi con l'acronimo "C.I.M.A." seguito dalla scritta "Deruta-Perugia" oppure semplicemente "Perugia".
Nel 1935, ceduta la manifattura ceramica di famiglia "S.A.C.R.U." di Umbertide, Settimio Rometti presta, per alcuni mesi, la sua opera nei laboratori della "Salamandra". Altri collaboratori della manifattura nel corso degli anni Trenta e Quaranta sono: Zulimo Aretini, Emma Bonazzi, Enrico Ciuti, Ezio Cocchioni, Marcello Fantoni, Ruffo Giuntini, Aldo Pascucci, Alberto Stolz e Nino Strada.
La manifattura rimane attiva fino al 1955.

http://archiviomemoria.comune.perugia.it/picture.php?/1199